Ghigo Agosti - Stazione del Rock

HOME

MENU

Ad ogni ora
sogno i treni
alla stazione
aspetto te, te, te

Io mammÓ
fermare tutti i treni vorrei
fare il controllor
io mammÓ
il ferroviere del rock
rock, rock, rock

Il treno allora
arriverÓ, alla stazione
bacer˛ te, te
io mamma, mi metter˛ a cantar
io mamma
sul treno a ballar
io mammÓ
alla stazione del rock

54 ore
l'amore durerÓ
e poi corrotto il cuore
perder˛ te te
no no
non mi lasciar ti prego
no no
non posso stare solo
oh no
resta resta resta
alla stazione del rock

(assolo di sax)

Ti aspetto ancora
oh bimba te
alla stazione
aspetto te te te
io mammÓ
mi freme tutto il cuor
io mamma
pazzo son d'amor
io m
ti canto questo mio rock
rock rock rock

Note

 

Una canzone scritta da un giovanissimo Ghigo Agosti a metÓ degli anni '50, e poi proposta con il suo gruppo Gli Arrabbiati nei concerti di fine anni '50, ed infine utilizzata come retro del suo successo Coccinella. All'inizio il titolo era Stazione del Blues, poi modificato in Stazione del Rock dopo l'esplosione del rock 'n roll e l'arrivo della nuova musica in Italia, ad opera di un gruppo di musicisti, soprattutto milanesi, tra i quali Ghigo Agosti Ŕ stato senza dubbio un personaggio di spicco.

 

Musica & Memoria Gennaio 2007 / Testo originale di R.A. Agosti trascritto e riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

DISCLAIMER

HOME
ENGLISH