The Beatles  - Back in the USSR (1968)

HOME

MENU

   

Flew in from Miami Beach BOAC
Didn't get to bed last night
On the way the paper bag was on my knee
Man, I had a dreadful flight
I'm back in the USSR
You don't know how lucky you are boys
Back in the USSR

Sono arrivato da Miami Beach con un volo BOAC (1)
Non sono andato a letto ieri notte
In aereo avevo il sacchetto di carta sulle ginocchia (2)
Amico, ho fatto un viaggio terribile
Sono di nuovo in URSS
Ragazzi, non sapete quanto siete fortunati
Di nuovo in URSS

Been away so long I hardly knew the place
Gee, it's good to be back home
Leave it till tomorrow to unpack my case
Honey disconnect the phone
I'm back in the USSR
You don't know how lucky you are boys
Back in the US
Back in the US
Back in the USSR

Sono stato via tanto (tempo) che quasi non riconoscevo il posto
Ah, è bello essere di nuovo a casa
Aspetta fino a domani a disfarmi la valigia
Dolcezza, stacca il telefono
Sono di nuovo in URSS
Ragazzi, non sapete quanto siete fortunati
Di nuovo in US (3)
Di nuovo in US
Di nuovo in URSS

Well the Ukraine girls really knock me out
They leave the West behind
And Moscow girls make me sing and shout
That Georgia's always on my mind

Beh, le ragazze ucraine mi mettono proprio al tappeto
Lasciano indietro l'Occidente (4)
E le ragazze di Mosca mi fanno cantare e gridare
che la Georgia è sempre nella mia mente (5)

(assolo di chitarra elettrica di George)

 

I'm back in the USSR
You don't know how lucky you are boys
Back in the USSR

Sono di nuovo in URSS
Non sapete quanto siete fortunati, ragazzi
Di nuovo in URSS

Well the Ukraine girls really knock me out
They leave the West behind
And Moscow girls make me sing and shout
That Georgia's always on my mind

Beh le ragazze ucraine mi mettono proprio al tappeto
Lasciano indietro l'Occidente
E le ragazze di Mosca mi fanno cantare e gridare
che la Georgia è sempre nella mia mente

Show me round your snow peaked mountain way down south
Take me to your daddy's farm
Let me hear you balalaika's ringing out
Come and keep your comrade warm
I'm back in the USSR
You don't know how lucky you are boys
Back in the USSR

Mostrami la tua montagna innevata verso Sud
Portami alla fattoria del tuo papà
Fammi sentire il suono delle tue balalaiche
Vieni (qui) a riscaldare il tuo compagno (6)
Sono di nuovo in URSS
Non sapete quanto siete fortunati, ragazzi
Di nuovo in URSS

   

Note

 

La canzone che apriva il White Album dei Beatles, forse il loro migliore, era questo brano, una ricerca dello spirito del rock 'n roll che nasce come una risposta scherzosa alla ingenua Back in the USA di Chuck Berry di 8 anni prima. Negli anni ormai lontani della "coesistenza pacifica" pur se basata sull'equilibrio degli arsenali atomici, era anche uno scherzoso richiamo a godersi la vita, dimenticando le divisioni.

Note alla traduzione

  1. La principale compagnia aerea del Regno Unito all'epoca
  2. Il sacchetto per il vomito in decollo, atterraggio o turbolenze disponibile nella tasca della poltroncina davanti alla propria. Con gli aerei degli anni '60 a volte serviva.
  3. L'alternanza tra la sigla degli Stati Uniti (US: United States) e dell'URSS (USSR: Union of Socialist Soviet Republics) è quasi sicuramente voluta
  4. Omaggio alle ragazze dell'Ucraina che tra le varie repubbliche dell'URSS avevano una certa fama, nel verso seguente che lasciano indietro quelle occidentali (ma è anche lo scherzoso punto di vista di Paul che si immedesima in un suo omologo russo).
  5. Chiaro riferimento al classico blues notissimo nell'interpretazione di Ray Charles Georgia In My Mind, un gioco di parole di quelli che tanto piacevano ai Beatles perché tra le repubbliche sovietiche c'era anche la Georgia. E le ragazze della Georgia sono anch'esse omaggiate in seguito.
  6. In italiano "compagno" in questa frase ci fa pensare al partner in una relazione sentimentale, ma la parola inglese, comrade, indica proprio, e volutamente, il "compagno" in senso politico, ed è proprio un altro modo per ambientare la vicenda in Unione Sovietica dove tutti, come noto, si riferivano al prossimo chiamandolo tovarish, ovvero "compagno". Ovviamente non sono mancati in USA quelli che hanno criticato la canzone perché i Beatles con questa canzone sembrava che fossero diventati comunisti.
 

© Traduzione Alberto Maurizio Truffi - Dicembre 2020 / Riproduzione del testo originale di Paul McCartney  per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME