Mini-guida SLR analogiche

MENU

HOME

 

A chi è rivolta questa pagina: A chi è interessato a sperimentare o riscoprire la fotografia analogica
I contenuti della pagina: Perché sperimentare la fotografia analogica / Quali sono le macchine più adeguate per farlo / La macchina ideale ovvero la reflex SRL Single Lens Reflex / Le famiglie di reflex analogiche:le stop-down, le "tutta apertura", le semi-automatiche elettroniche / Guida all'uso di una tipica semi-automatica elettronica: la Yashica FX-D Quartz

 Sperimentare la fotografia analogica

HOME

 

La fotografia digitale ha raggiunto e superato da anni i livelli di qualità della fotografia analogica, anche nel medio formato. Di conseguenza comprare nel mercato dell'usato o tirare fuori dal cassetto una vecchia macchina analogica per fare foto sembra un'operazione senza senso (solo usate perché la produzione delle reflex è cessata nel 2020 con l'ultimo modello che ha resistito, la Nikon F6). Ma questo vale anche per il vinile, che come parametri è inferiore alla musica digitale, ma questo non impedisce a sempre nuovi costruttori di creare (e vendere) giradischi sempre più raffinati e costosi e al vinile di superare come vendite il CD nel 2020 (in USA).

Le due situazioni sono solo in parte comparabili, ma anche in fotografia numerosi appassionati riscoprono la fotografia analogica, non tanto per una superiorità tecnica, ma per il piacere (in comune con il vinile) di recuperare una dimensione più "umana" e riflessiva nella ripresa delle foto. Non più decine e ormai centinaia di foto a raffica tra le quali scegliere poi faticosamente le migliori, ma una ricerca pensata della migliore angolatura e della migliore espressione e impressione per ognuna delle 36 preziose "pose" a disposizione nella pellicola. Un numero che ora, con schede che memorizzano senza problemi migliaia di foto, sembra incredibile. E anche una dimostrazione delle capacità "artigianali" del fotografo, analoghe a quelle che deve mettere in campo il proprietario di giradischi per tenere sempre perfettamente tarato il suo lettore di vinili. Esistono anche questi appassionati, non sono abbastanza da sollecitare la produzione di nuove macchine, ma sono abbastanza per giustificare la produzione delle pellicole, che continua tuttora sia nel formato 35 mm (135) che nel 6x6 (120).

Le due macchine fotografiche simbolo dell'era analogica prima dell'avvento dell'elettronica,
entrambe rigorosamente manuali: la Nikon F e la Leica M2

 Le alternative

HOME

 

Ovviamente parliamo solo di macchine semi-professionali, per le foto ricordo ormai non serve neanche più una macchina digitale, gli ultimi smartphone hanno prestazioni superiori. Per iniziare bisogna scegliere il formato di pellicola e la tecnologia della macchina sui cui puntare. Per il formato è quasi d'obbligo il 35mm, se l'obiettivo è fotografare con una discreta facilità, che non faccia venire subito la voglia di tornare al digitale. Fatta questa scelta l'alternativa è tra le macchine a telemetro (Leica e derivate) e le reflex monobiettivo, ovvero le SLR. Anche qui la scelta è quasi obbligata se si vuole mantenere un poco della facilità di scatto delle digitali: le SLR.

 

 Le famiglie di SLR

HOME

 

Prendiamo in esame solo le SLR dagli anni '60 in poi, ovvero quei modelli che hanno fatto diventare questa tecnologia la tecnologia standard per fare le foto, le prime reflex moderne e semplici da usare sviluppate in Giappone da produttori in molti casi non più attivi, ma anche e soprattutto dalle due case che tuttora dominano il settore professionale (Canon e Nikon). Sono le SLR con diaframma automatico, esposimetro TTL e misurazione semi-automatica o automatica, che si suddividono in tre grandi famiglie:

  1. Le SLR stop-down (Asahi Pentax Spotmatic)
  2. Le SLR a tutta apertura (Minolta SRT-101)
  3. Le SLR automatiche a priorità dei diaframmi (Canon AE-1)

Quelle indicate tra parentesi sono i tre modelli semi-professionali più significativi per le tre tipologie, che possiamo prendere come esempio (nel seguito altri modelli esemplificativi).

 

 SLR versus Rangefinder (telemetro)

HOME

 

Facciamo un passo indietro ricordando quali erano i problemi del fotografo prima che arrivassero queste macchine: 1) vedere bene come sarebbe venuta la foto 2) mettere a fuoco il soggetto con precisione 3) regolare al meglio in base alle condizioni di luce l'esposizione, ovvero la coppia tempi-diaframma 4) il tutto velocemente per non perdere l'attimo fuggente in cui scattare la foto perfetta.

Il primo punto era risolto dalla visione reflex attraverso specchio e pentaprisma che portava a livello dell'occhio un'immagine nitida e otticamente ampia, incomparabile con il piccolo mirino delle telemetro (incluse le ultime) e sempre allineato ovviamente con l'obiettivo. Rispetto alle reflex di 10 o 20 anni prima ora gli obiettivi erano molto luminosi e consentivano di vedere la scena come il fotografo l'avrebbe vista senza guardare nel mirino, rimanevano sempre a tutta apertura (diaframma automatico) e lo specchio tornava istantaneamente a posto dopo lo scatto.

Per il punto 2 il sistema adottato (ad immagine spezzata o a microprismi) consentiva di individuare ll giusta distanza di messa a fuoco con la stessa facilità del telemetro e per il terzo punto invece si superavano ampiamente le macchine a telemetro grazie alla intoduzione (tra le prime la Spotmatic) dell'esposimetro TTL (through the lens: dall'obiettivo) e CdS (più preciso ed esteso del tradizionale telemetro).

Solo sul punto 3 e sui suoi effetti sul punto 4 (rendendolo più veloce) si differenziano le tre famiglie.

 

 Le tre famiglie

HOME

 

Per misurare la luce l'esposimetro deve essere illuminato, e per prevedere se la luce sarà sufficiente a un diaframma più chiuso, se "guarda" attraverso l'obiettivo bisogna che il diaframma sia chiuso, mentre nelle reflex è ora sempre aperto al massimo. Inoltre, la misurazione può essere semi-automatica (o "assistita") nella quale è il fotografo a individuare con l'aiuto dell'esposimetro la coppia tempo-diaframma migliore, oppure automatica, nella quale è la macchina a deciderlo, dopo però che il fotografo ha fissato uno dei due sistemi che controllano l'entrata della luce (il tempo di posa e il diaframma dell'obbiettivo) e che nei sistemi automatici può essere l'uno o l'altro, e si chiamano di conseguenza "a priorità del tempi" o a "priorità del diaframma".
Le tre famiglie, che sono a facilità di ripresa e quindi a velocità di esecuzione crescente, si differenziano proprio su questi aspetti

 

 Le stop-down

HOME

I primi apparecchi proposti con esposimetro TTL, adottavano la soluzione più semplice: per visualizzare il tempo che sarebbe stato necessario per avere una foto ben esposta con un tasto opportunamente posizionato il fotografo faceva chiudere per un breve tempo il diaframma al valore impostato e l'esposimetro, direttamente nel mirino, indicava il tempo di posa che era necessario. Il fotografo a questo punto, se non era quello già impostato lo cambiava (in alcune macchine senza staccare gli occhi dal mirino perché era visibile mirino stesso) oppure, se era troppo lungo e poteva generare foto mosse, apriva di più il diaframma.
Tutto molto più preciso degli apparecchi precedenti a telemetro o reflex con esposimetro esterno ma la velocità di esecuzione era simile e, anche se per un tempo breve, l'immagine si oscurava e questo per le foto di azione non era certo l'ideale. Con questo sistema i fotografi più esperti misuravano le "condizioni base" per una serie di foto e poi procedevano a modificare manualmente tempi o diaframmi in base alle variazioni di luce nele varie inquadrature, quando necessario, senza fare una nuova misurazione ogni volta.

 Le "tutta apertura"

HOME

La svolta importante è arrivata con la generazione successiva (ma a distanza molto breve) nella quale era inserito un sistema molto semplice che eliminava il problema: un simulatore del diaframma. L'esposimetro misurava sempre a tutta apertura ma applicava un correttivo in base al numero di diaframmi, ovvero di spot, che sarebbero stati chiusi al momento dello scatto. Il tutto era possibile perché negli apparecchi fotografici sin dai primordi i diaframmi e i tempi non si regolano in modo continuo ma a "scatti" (spot) che corrispondono a variazioni standard della luce che fanno entrare e questi spot erano da tempo standardizzati e allineati tra tempi e diaframmi. Così, ad esempio, uno scatto con la coppia tempo diaframma F2,8 e 1/125" corrisponde ad  una coppia F4 e 1/60", nel senso che fa entrare la stessa luce e crea una foto con la stessa esposizione.

Il risultato operativo era eccellente e consentiva alle reflex di diventare la macchina standard sia per amatori che per professionisti, surclassando in velocità e precisione le macchine a telemetro, tranne che per professionisti particolarmente esperti e in grado di valutare la luce in modo preciso anche senza esposimetro, solo con i loro occhi e con l'esperienza. Ma rimanevano altri vantaggi tipici del sistema (in particolare nell'uso dei tele-obbiettivi) e le reflex professionali, in particolare la Nikon F Photomic, diventava la macchina standard per i professionisti o gli amatori evoluti (e la Canon rispondeva con ritardo con la F-1 nel 1970).

Con una reflex a tutta apertura, senza staccare gli occhi dal grande e luminoso mirino e tenendo sotto controllo l'inquadratura e la messa a fuoco, poteva misurare l'esposizione agendo a sua scelta su tempi o diaframmi e scattando subito dopo la foto.

 Le semi-automatiche elettroniche

HOME

Le stop-dwon e le full-aperture avevano dominato gli anni '60 e la prima metà dei '70 ma il progresso della tecnologia elettronica e la disponibilità di soluzioni di micro-elettronica, con circuiti su "chip" consentiva un nuovo salto tecnologico: l'otturatore elettronico, nel quale i tempi (ovvero la partenza della seconda tendina, nelle reflex) era controllato da un circuito e non da un congegno tipo orologeria.

Questo consentiva di introdurre un parziale automatismo dell'esposizione, sinora riservato solo alle macchine "per dilettanti", anche per fotografi amatoriali e (nel tempo) per i professionisti. Perché, ovviamente, la impostazione del tempo di posa poteva essere collegata alla misurazione dell'esposimetro ed essere quindi gestita automaticamente dalla macchina fotografica al momento dello scatto. Tecnicamente queste mattine possono definirsi semi-automatiche perché al fotografo sono lasciate alcune scelte e verifiche importanti.

Da sottolineare soprattutto che la misurazione era a "priorità del diaframma" quindi rimaneva al fotografo l'onere di controllare che il tempo non fosse troppo lungo e potesse generare una foto mossa. Una situazione comunque segnalata spesso dall'apparecchio con luci intermittenti o bip. 

Nelle condizioni normali di luce e con pellicole abbastanza sensibili macchine di questo tipo garantivano foto quasi tutte buone, dove il fotografo doveva stare attento solo alla messa a fuoco e fare attenzione alle segnalazioni dell'apparecchio, e quindi il successo è stato totale e questo tipo di reflex hanno sostituito le precedenti, fino alla quarta famiglia.

La casa che ha lanciato questa innovazione è stata proprio la Canon che ha così recuperato lo spazio perso rispetto alla Nikon negli anni precedenti, recuperando (ma avrebbe impiegato ancora qualche anno) quella co-leadership che mantiene tuttora.

 La scelta migliore

HOME

Per sperimentare la fotografia analogica nel modo più genuino, ma senza dover affrontare una operatività piuttosto complessa e anacronistica ora, la scelta sarebbe una reflex a tutta apertura. Sono però non molte le macchine disponibili e in condizioni buone, e quindi abbastanza care. L'alternative sono le automatiche a priorità del diaframma, che sono state vendute molto di più e hanno molti più modelli validi tra cui scegliere, e sono anche più recenti. Un eventuale malfunzionamento della parte elettronica è difficilmente riparabile ma, rispetto agli automatismi meccanici delle macchine della seconda famiglia, sono più rari

Guida all'uso di una semi-automatica tipica:  la Yashica FX-D Quartz

HOME

Un apparecchio che ha avuto un grande successo, facilmente reperibile, robusto e con tutte le funzionalità standard. Facendo parte della produzione più recente tra le automatiche a priorità del diaframma, è anche di dimensioni compatte e quindi molto più leggero e maneggevole delle migliori FA come la Minolta SRT-101 o la Nikkormat FTn. Vediamo le differenze principali nella operatività rispetto alle reflex autofocus successive e alle SLR digitali.

  1. Caricamento della pellicola e avanzamento. Tutto manuale anche se l'inserimento della linguetta iniziale è facilitato. Si chiude poi lo sportello posteriore, si fa avanzare la pellicola con la leva di carica rapida (2) fino a che il contapose meccanico (1) indica 1 e in parallelo si controlla se la leva di riavvolgimento (11) ruota (se non ruota la pellicola non è agganciata avremo zero foto).

  2. Impostazione della sensibilità della pellicola. La cosa che più facilmente si scorderà di fare il fotografo digitale. E' consigliabile quindi usare solo pellicole della stessa sensibilità o cambiarle di rado. Si imposta sulla ghiera (10) che deve essere sbloccata con il testino dietro ad essa, e che è posizionata attorno alla manovella di riavvolgimento. Se si dimentica di farlo e si sta passando, per esempio da una 100 a una 400 ISO, tutte le foto saranno sovraesposte di 4 stop e quindi non stampabili, da buttare o quasi.

  3. Inquadramento e messa a fuoco. si inquadra nel mirino che, essendo ottico, è sempre disponibile per la visione. La messa a fuoco si effettua ruotando la ghiera delle distanze (17) sull'obbiettivo fino a che la scena inquadrata è nitida. Per rendere più precisa l'operazione questa macchina al centro ha un telemetro a immagine spezzata (diviso in due parti). Basta inquadrare un elemento verticale (una cornice, un quadro un bordo) per ricomporre l'immagine spezzata ed ottenere la messa a fuoco precisa. Si può usare anche una linea orizzontale ruotando la macchina di 90°.

  1. Esposizione. La levetta anteriore (14) seleziona la modalità standard (o) e consente anche il blocco dell'esposizione su una parte dell'immagine (A-L). Pigiando il pulsante al centro (13) si attiva l'esposimetro. Non ci sono interruttori perché poi dopo un time-out si spegne da solo e la batteria dell'esposimetro così dura molto a lungo. La misurazione è visualizzata con led rossi sulla destra e può essere automatica (AE) o semi automatica. (vedi l'immagine del mirino in basso)

    • manuale: il fotografo sceglie il diaframma e il tempo, l'esposimetro quando attivato indica il range di tempi che sceglierebbe lui (uno o due tempi) con due LED rossi e il tempo impostato lampeggiante. Rimane al fotografo la scelta di scattare comunque, se il tempo che ha scelto è fuori dal range, incorrendo quindi in una sotto o sovra esposizione, oppure correggere.

    • semi-automatica AE: quando la ghiera dei tempi è su AE attivando l'esposimetro sono indicati i due tempi che racchiudono il tempo intermedio che sarà utilizzato per lo scatto (la scala dei tempi è continua). Il fotografo deve controllare se il tempo non è a rischio di mosso (nessun warning in questo apparecchio) e, nel caso, cambiarlo o aprire il diaframma di più.

  2. Controllo. Questo tipo di macchine non impediscono lo scatto in sovra o sotto esposizione ma lo segnalano al fotografo che poi decide se scattare o meno:

    • manuale: può accadere che la coppia tempo-diaframma scelta non consenta di scattare una immagine corretta. In questo caso il tempo di posta impostato è fuori dal range e la macchina lo segnala con il led rosso lampeggiante. Rimane al fotografo la scelta di scattare comunque, oppure correggere intervenendo su tempi o diaframma.

    • semi-automatica: l'esposimetro indica la coppia corretta se è possibile posizionarla all'interno della scala dei tempi 11" - 1/1000". Se fosse necessario un tempo inferiore a 1/1000", impossibile su questa macchina, segnala la sovraesposizione illuminando il led in corrispondenza a OVER. Se è invece possibile scattare una immagine corretta con tempi fino a 2" illumina il LED corrispondente fino a 2, se è possibile fino a 11" (tempo massimo dell'otturatore elettronico) illumina il LED "LT" (long time), oltre questo valore illumina il LED "B" (bulb = flash) che non indica ovviamente la "posa B" (otturatore aperto a comando manuale).

    • rischio di mosso. E' quindi importante anche in modalità AE che il fotografo sia cosciente che la macchina non da' alcun warning sul rischio di mosso sui tempi lunghi, e sia quindi lui che deve intervenire ad evitare lo scatto a mano libera quando è difficile evitare il mosso (il limite reale è 1/30" con 28mm, 1/60" con 35mm, 1/125" con 50mm. 1/250" con 85-90mm, 1/500" con 135", con mano ferma e appoggio si può scendere di uno verso i tempi più lunghi).

 
  1. Scatto e scatto veloce: questa macchina ha due pulsanti per attivazione dell'esposimetro e scatto, entrambi elettrici (basta sfiorarli), quello anteriore attiva solo l'esposimetro, quello superiore (3) entrambi. se si ha tempo per una misurazione accurata si usa in sequenza quello frontale e poi si scatta con quello superiore. Quando si vogliono fare più foto con la massima velocità si usa solo quello superiore, ovviamente in AE, che attiva l'esposimetro (e quindi l'esposizione automatica) al momento dello scatto garantendo la corretta esposizione anche per foto a raffica

  2. Cautele e varianti. L'importante è aver verificato prima che la coppia tempo-diaframma sia nel range ipotetico delle successive esposizioni veloci. Ovvero controllando ogni tanto. Altre macchine hanno un unico pulsante che premendo poco attiva solo  l'esposimetro, o altre soluzioni. Da notare che nella Yashica se l'otturatore non è armato (non si è fatta avanzare la pellicola) il pulsante di scatto attiva comunque l'esposimetro e ha quindi la stessa funzione del pulsante frontale.

Appendice: Una reflex fuori schema e la quarta famiglia

HOME

I più attenti ed esperti avranno notato che manca qualcosa a questa pagina. Per prima cosa una reflex abbastanza popolare e rimasta in produzione per 20 anni e più che non è classificabile in nessuna delle tre famiglie. E la quarta famiglia, ovvero le ultime reflex analogiche con pellicola, che avevano messa a fuoco automatica, automatismo completo dell'esposizione, motore per l'avanzamento e riavvolgimento della pellicola, quindi in sostanza, tutto.

La Konica Autoreflex T è la macchina "dispari". Semi-automatica ma a priorità dei tempi (che è meglio) ma non elettronica, contemporanea alla prima e seconda famiglia, l'automatismo era realizzato solo con la meccanica, e funzionava. Per non si sa bene per quali motivi non ha avuto seguaci né imitatori, pur avendo raccolto un discreto successo. Probabilmente è arrivata quando anche i fotoamatori non apprezzavano l'automatismo che diminuiva teoricamente il controllo del fotografo, mentre quando l'automatismo ha iniziato ad essere apprezzato dai professionisti era già arrivata l'elettronica con le sue molte funzioni aggiuntive.

Le automatiche di ultima generazione invece non sono da prendere in considerazione per un ritorno all'analogico perché in realtà per funzionalità e tecnica di ripresa sono sostanzialmente uguali alle SLR digitali: la pellicola è sostituita da una un sensore CMOS ma tutto il resto dell'apparecchio rimane in pratica identico, l'unica effettiva novità funzionale è  la presenza di uno schermo LCD come secondo sistema di visione.

Nelle immagini la Konica Autoreflex e un'altra reflex a tutta apertura che non si può non citare: la Nikkormat FTn della Nikon

Testi © Alberto Maurizio Truffi / Gennaio 2022 / Riproduzione del testo  non consentita

CONTATTO

HOME

Creative Commons License
I contenuti di questa pagina sono sotto Licenza Creative Commons