No Arms Can Ever Hold You (No Other Arms) (1955)

HOME

MENU

 

No arms can ever hold you
Like these arms of mine.
No heart can ever love you
Like this heart of mine.

My dreams can all come true
If you'll care for me (care for me)
This love that I feel for you
Was just meant to be.

No lips can ever kiss you
Like these lips of mine.
No-one can ever offer
What I offer you.

My heart, my love, are yours
Till the end of time.
No arms can ever hold you
Like these arms of mine.

No lips can ever kiss you
Like these lips of mine.
No-one can ever offer
What I offer you.

My heart, my love, are yours
Till the end of time.
No arms can ever hold you
Like these arms of mine.

 

Note

 

Questa romantica canzone d'amore scritta e composta da Art Crafer e Jimmy Nebb è nota anzittutto per la versione di Pat Boone del 1955, pubblicata anche con titolo diverso (No Other Arms) e per quella successiva dei Bachelors del 1964 (maggiore successo), ma la prima uscita su disco è del vocalist Jeffrey Clay sempre nel 1955. La canzone è diventata molto popolare in Italia con il testo di Gioia e Rastelli e il titolo Nessuno al mondo. Ben 10 le versioni in italiano, le prime nel 1959 di Caterina Valente e Tony Renis e poi nel 1960 la versione più famosa, di Peppino di Capri, e quelle di John Foster, Tonina Torrielli e Flo Sadson's. Sono seguite poi quelle dei Los Marcellos Ferial (1966), Nico e i Gabbiani (1968), Mina (1970), Anita Traversi (1973).

La prima registrazione del brano originale è di Jeffrey Clay, un cantante attivo soprattutto nelle orchestre degli anni '50, in particolare quella di Sammy Kaye (poco altro si sa di lui). Per dipanare la storia della canzone originale, complicata dal titolo diverso adottato da Pat Boone, nel seguito sono riportate le principali pubblicazioni su disco.

 

Data

Interprete

Singolo

Etichetta / Cat.

Paese

Formato

1955, giugno

Jeffrey Clay

No Arms Can Ever Hold You / Come Back, Come Back

Coral 9-61434

USA

45 giri

1955, settembre

Pat Boone

No Other Arms / At My Front Door

Dot Records 15422

USA

78 giri

1955, settembre

Pat Boone

At My Front Door / No Arms Can Ever Hold You

Reo ‎– 8056

Canada

78 giri

1955, settembre

Pat Boone

At My Front Door / No Other Arms

Dot Records ‎– 45-15422

USA

45 giri

1955, settembre

Georgie Shaw

No Arms Can Ever Hold You (Like These Arms Of Mine) / Look To Your Heart

Decca ‎– 9-29679

USA

45 giri

1955, settembre

Georgie Shaw

No Arms Can Ever Hold You (Like These Arms Of Mine) / Look To Your Heart

Decca ‎– 29679

USA

78 giri

1955, settembre

The Gaylords

No Arms Can Ever Hold You / Bring Me A Bluebird

Mercury ‎– 70706

USA

78 giri

1955, settembre

Jimmy Young

The Man From Laramie / No Arms Can Ever Hold You

Decca ‎– F.10597

UK

78 giri

1955, novembre

Herb Jeffries

No Arms Can Ever Hold You / Whistling Blues

Olympic ‎– OL-503

USA

45 giri

1964, marzo

Diane Ray

No Arms Can Ever Hold You / Tied Up With Mary

Mercury ‎– 72248

USA

45 giri

1964, novembre

The Bachelors

No Arms Can Ever Hold You / Oh Samuel Don't Die

London Records ‎– 45 LON 9724

USA

45 giri

 

Il brano, pur entrando in classifica con Pat Boone (settembre 1955) e nonostante tutte le altre uscite su disco di Georgie Shaw, The Gaylords, Jimmy Young e del cantante jazz Herb Jeffries, non riuscì, neanche nella versione di Boone, ad arrivare ad una fama mondiale. Nel 1960 con la versione di Peppino Di Capri “Nessuno al mondo”, su testo di Gioia e Rastelli, divenne uno dei maggiori successi dell’anno e fu ripresa da Fausto Papetti, Tonina Torrielli e Caterina Valente, che contribuì a farla riascoltare per l’Europa. Nel 1964 i Bachelors la riportarono nelle hit statunitensi. La versione più brillante e attuale è quella di Diane Ray.

 

Le etichette delle successive uscite su disco

 

© Musica & Memoria Febbraio 2020

CONTATTO

HOME