Musica & Memoria / Fagner - Romance no Deserto

Fagner - Romance no deserto

HOME

MENU

   

Eu tenho a boca que arde como o sol
O rosto e a cabeça quente
Com Madalena vou-me embora
Agora ninguém vai pegar a gente

Dei minha viola num pedaço de pão
Num esconderijo e uma aguardente
Mas um dia eu arranjo outra viola
E na viagem vou cantar pra Madalena

Não chore não, querida, e se de certo finda

Tudo aconteceu e eu nem me lembro
Me abraça, minha vida, me leva em teu cavalo -
Que logo no paraíso chegaremos

Vejo cidades, fantasmas e ruinas
A noite escuto o seu lamento
São pesadelos e aves de rapina
No sol vermelho do meu pensamento

Será que eu dei um tiro no cara da cantina?
Será que eu mesmo acertei seu peito?
Vem, vamos voando minha Madalena
O que passou, passou, não tem mais jeito

Naquela sombra vou armar a minha rede
E olhar os solitários viajantes
Beber, cantar e matar a minha sede
Lá longe onde tudo é verdejante

Não chore não, querida, e se de certo finda
Tudo aconteceu e eu nem me lembro
Me abraça minha vida, me leva em teu cavalo
Que logo no paraíso estaremos

O padre vai rezar uma prece tão antiga
Domingo na capela da fazenda
Brinco de ouro e botas coloridas
Nós dois aprisionados nesta lenda

Ouço um trovão e penso que é um tiro -)
A noite escura me condena
Não sei se vivo, morro ou deliro
Depressa, pegue a arma, Madalena

Tem uma luz por traz daquela serra
Mira, mas não erra, minha pequena
A noite é longa e é tanta terra
Poderemos estar mortos noutra cena

Não chore não, querida, e se de certo finda

Tudo aconteceu e eu nem me lembro
Me abraça, minha vida, me leva em teu cavalo
Que logo no paraíso dançaremos

Ho la bocca che brucia come il sole
Il viso e la testa calde
Con Maddalena me ne vado
Ora nessuno ci prenderà

Ho scambiato la mia chitarra per una fetta di pane,
Un nascondiglio e un'acquavite
Ma un giorno troverò un'altra chitarra
E nel viaggio canterò per Maddalena

Non piangere, cara, anche se le cose sono andate così

Tutto è successo e nemmeno mi ricordo
Abbracciami, vita mia, portami via sul tuo cavallo
E presto al paradiso ci arriveremo

Vedo città, fantasmi e rovine
Di notte ascolto i loro lamenti
Sono incubi ed uccelli di rapina
Nel sole rosso del mio pensiero

Sarà che ho sparato contro l'uomo della cantina?
Sarà che io proprio ho colpito il suo petto?
Vieni, voliamo, mia Maddalena
Quello che è passato, è passato, non si può fare più niente

Sotto quell'ombra metterò la mia sedia a dondolo
E guarderò i solitari viaggiatori
Bere, cantare e saziare la mia sete
Laddove tutto è verdeggiante

Non piangere, cara, anche se le cose sono andate così
Tutto è successo e nemmeno mi ricordo
Abbracciami, vita mia, portami via sul tuo cavallo
E presto al paradiso ci saremo

Il prete reciterà una preghiera antica
Domenica nella cappella in campagna
Orecchini d'oro e stivali colorati
Noi due imprigionati in questa leggenda

Ascolto un tuono e penso che è uno sparo
La notte buia mi condanna
Non so se vivo, muoio o sto delirando
Presto, prendi l'arma, Maddalena

C'è una luce dietro la montagna
Mira, ma non sbagliare, mia piccola
La notte è lunga e c'è tanta terra
Potremo essere morti in un'altra scena

Non piangere, cara, anche se le cose sono andate così

Tutto è successo e nemmeno mi ricordo
Abbracciami, vita mia, portami via sul tuo cavallo
E presto in paradiso danzeremo

   

Note

   

Romance no Deserto (Romance in Durango -
(Bob Dylan & Jacques Levy - Versão Fausto Nilo)
album "Romance no Deserto" di Fagner

Cover di Romance in Durango di Bob Dylan & Jacques Levy, dall'album Desire del 1976. Versione in portoghese di Fausto Nilo. Dal disco "Romance no Deserto" di Fagner

   

Ads by Google

Traduzione di Janaìna Truffi / Riproduzione per usi commerciali non consentita
©
Musica & Memoria
Luglio 2007

HOME