Musica & Memoria / Jacques Brel - Je t'aime

Jacques Brel - Je t'aime (1959)

HOME

MENU

   

Pour la rosée qui tremble au calice des fleurs
De n'être pas aimée et ressemble à ton cœur
Je t'aime
Pour le doigt de la pluie au clavecin de l'étang
Jouant page de lune et ressemble à ton chant
Je t'aime
Pour l'aube qui balance sur le fil d'horizon
Lumineuse et fragile et ressemble à ton front
Je t'aime

Per la rugiada che trema sul calice dei fiori
per non essere stata amata, ed assomiglia al tuo cuore,
io ti amo.
Per il suono della pioggia come clavicembalo nello stagno,
che suona pagine di luna e assomiglia al tuo canto,
io ti amo.
Per l'alba che sta in bilico sul filo dell'orizzonte,
luminosa e fragile e assomiglia alla tua fronte
io ti amo.

Pour l'aurore légère qu'un oiseau fait frémir
En la battant de l'aile et ressemble à ton rire
Je t'aime
Pour le jour qui se lève et dentelle le bois
Au point de la lumière et ressemble à ta joie
Je t'aime
Pour le jour qui revient d'une nuit sans amour
Et ressemble déjà, ressemble à ton retour
Je t'aime
Pour la porte qui s'ouvre, pour le cri qui jaillit
Ensemble de deux cœurs et ressemble à ce cri
Je t’aime
Je t’aime
Je t’aime

Nell'aurora leggera che un uccello lascia fremere,
in un battito d'ali e assomiglia alla tua risata,
io ti amo.
Per il giorno che si leva, e disegna arabeschi di bosco (1)
nel punto di luce e assomiglia alla tua gioia,
io ti amo.
Per il giorno che torna da una notte senza amore
e sembra già, sembra il tuo ritorno,
io ti amo
Per la porta che si apre per il grido che sgorga
insieme da due cuori e assomiglia a questo grido:
ti amo,
ti amo,
ti amo.

   

Note

 

(1) Letteralmente denteller = fare merletti

   

© Musica & Memoria 2010 / Testo originale di Jacques Brel, riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Traduzione in italiano di Daniela Catino / Copia per usi commerciali non consentita

TRAVELS

NEWS

ENGLISH

HOME