Musica & Memoria / La Malagueña

La Malagueña

HOME

MENU

 

Ci sono canzoni che tutti conoscono tanto che sono credute popolari, altre che sono di origine popolare ma poi qualcuno è riuscito ad accamparci i diritti sopra per sé e per i discendenti. Nel seguito la storia della notissima La Malagueña da una approfondita ricerca di Ignazio Sulis.

 

La ricerca di Ignazio Sulis

 

Rancheros messicani negli anni '30 del secolo scorso

« Malagueña Salerosa (briosa donna di Malaga) conosciuta normalmente come “La Malagueña” (ma esiste anche una canzone cubana con lo stesso nome, da non confondere con questa), è una canzone popolare appartenente al genere musicale "ranchero" (ovviamente da ranch, letteralmente "proprietario di ranch") proveniente dalla regione “Huasteca”, situata nella parte nord-orientale del Messico. Probabilmente nata in ambienti di allevatori di bestiame, così come per la musica country o western per i cow boys statunitensi, o gringos, come venivano definiti nella cultura messicana e in gran parte dell’America latina.

Questa canzone è nata, a quanto risulta, negli ultimi anni '30 del XIX secolo, ma come è capitato per altri famosi brani, ad esempio per l’altra canzone ranchera “Cielito Lindo”, anche “La Malagueña” non è rimasta immune da  controversie per via “dell’accaparramento” da parte di presunti autori.
Naturalmente il contendersi la paternità di un brano in assenza di tutela legale per esso, là dove tra i contendenti non c’era intesa, non poteva che innescare la polemica, esponendo al pubblico ludibrio “l’imbroglione” o presunto tale, ossia colui che andava pretendendo che quel brano fosse una propria composizione.

I contestatori, in contrapposizione agli autori che si dichiaravano proprietari dell’opera, trovavano facile asserire che quello o quell’altro brano era già noto anni prima della data di composizione dichiarata, per cui spesso per invidia, ma anche per l’assenza di prove documentali autentiche, erano autorizzati a pensare che quel brano era noto ancor prima e che faceva parte della tradizione popolare e queste traversie spesso finivano in tribunale.
Non è ancora chiaro però se c’è stato un caso per la canzone “Malagueña” che abbia subito un dibattimento in tribunale. Comunque è evidente il fatto che questa bella canzone d’amore messicana, sia tutt’oggi tutelata sul diritto d’autore (vedi sotto, l’estratto della SACM, Messico) e quindi non considerata tradizionale e quindi di pubblico dominio, così come viene confermata nella nostra SIAE.

Dal punto di vista legale la canzone risulta pubblicata nel 1947 dai compositori e autori messicani Pedro Galindo Galarza e Elpidio Ramirez Burgos, ma al momento non è noto che sia esistito un supporto sonoro da loro registrato, cantato o semplicemente suonato e se abbiano registrato soltanto il testo e lo spartito.

Approfondendo la ricerca per verificare quanto di vero ci potesse essere sul fatto che questa canzone era già nota al pubblico prima del 1947, con mia meraviglia si scopre che “La Malagueña” era già stata registrata in precedenza per la colonna sonora di un film messicano del 1946, dal titolo “Enamorada”, di cui esiste anche un video in YouTube dove viene interpretata dal gruppo messicano “Trio Calaveras”, uno dei gruppi pionieri interpreti della musica ranchera.
Ma è anche vero che il film citato è uscito nelle sale in dicembre del 1946 e la deposizione degli autori messicani citati potrebbe essere avvenuta con qualche mese di ritardo, nel 1947.

Ancora una immagine di rancheros messicani negli anni '30 del secolo scorso. Sotto l'aspetto rude nascondevano evidentemente un cuore romantico.

Ma un’altra registrazione attestata di questo brano risulta precedente di molto al 1946. Un altro gruppo messicano che si chiamava proprio “Los Rancheros”, come da catalogo DECCA, serie 10000 ha pubblicato infatti questa canzone su 78 giri Decca - 10419 lato B nel 1939. La registrazione è confermata dal catalogo pubblicato nel sito “Stanford University Libraries” dove sono riportati i dati del singolo 78 giri “Ahora Seremos Felices”, il cui lato B è “La Malagueña”.
Questo disco dei Los Rancheros non è reperibile sul web, ma su eBay sono stati messi in vendita altre due edizioni registrate dallo stesso gruppo messicano nello stesso anno (DECCA - 65411 e DECCA – 65415). Osservando l’etichetta di questo ultimo disco, si evince che non risultano crediti per nessuno degli autori precedentemente citati e verosimilmente dobbiamo ritenere fino a prova contraria che il brano “La Malaguena”, sia effettivamente una canzone tradizionale.  La canzone dei Los Rancheros si può ascoltare sul canale YouTube di Musica & Memoria.

Concludo con questa storia ingarbugliata con la convinzione che i due autori dichiarati acquisirono il diritto su questo classico e notissimo brano musicale, probabilmente per aver rielaborato il testo e arrangiato la musica e per averlo depositato, quindi “La Malagueña” come già detto, è nata dalla tradizione popolare in quanto già esistente ancora prima del 1947, anno della pubblicazione dei due autori messicani come sopra, ma anche prima del 1946, anno di pubblicazione del film “Enamorada”.
Quando la carta canta e conta! Eccome se conta!

 

La registrazione SACM

 

 

Il testo e la traduzione

 

Que bonitos ojos tienes
debajo de esas dos cejas
debajo de esas dos cejas
que bonitos ojos tienes.

Ellos me quieren mirar
pero si tu no los dejas
pero si tu no los dejas
ni siquiera parpadear.

Malagueña salerosa
besar tus labios quisiera
besar tus labios quisiera
malagueña salerosa
y decirte niña hermosa.

Que eres linda y hechicera
que eres linda y hechicera
como el candor de una rosa.

Si por pobre me desprecias
yo te concedo razón
yo te concedo razón
si por pobre me desprecias.>

Yo no te ofrezco riquezas
te ofrezco mi corazón
te ofrezco mi corazón
a cambio de mi pobreza.

Malagueña salerosa
besar tus labios quisiera
besar tus labios quisiera.
malagueña salerosa
Y decirte niña hermosa.

Que eres linda y hechicera,
que eres linda y hechicera
como el candor de una rosa
como el candor de una rosa

Hai bellissimi occhi
sotto le tue sopracciglia
sotto le tue sopracciglia
hai bellissimi occhi

Vogliono guardarmi
ma se tu non lasci
ma se tu non asci
che almeno facciano un battito

Briosa abitante di Málaga
vorrei baciare le tue labbra
vorrei baciare le tue labbra
briosa abitante di Málaga
e chiamarti bella bambina

Perché sei bella e ammaliante
perché sei bella e ammaliante
come il candore di una rosa

Se mi disprezzi per la mia povertà
ti concedo che hai ragione
ti concedo che hai ragione
se mi disprezzi per la mia povertà

Io non ti offro ricchezze
ti offro il mio cuore
ti offro il mio cuore
in cambio della mia povertà

Briosa abitante di Málaga
vorrei baciare le tue labbra
vorrei baciare le tue labbra
briosa abitante di Málaga
e chiamarti bella bambina

Perché sei bella e ammaliante
perché sei bella e ammaliante
come il candore di una rosa
come il candore di una rosa

 

 Musica & Memoria Dicembre 2015

CONTATTO

HOME