Aretha Franklin - Chain Of Fools (1967)

HOME

MENU

   

(Chain, chain, chain)
Chain of fools

(Una catena, una catena, una catena)
Una catena di stupide donne (1)

For five long years
I thought you were my man
But I found out, love
I'm just a link in your chain
You got me where you want me
I ain't nothing but your fool
You treated me mean
Oh, you treated me cruel

Per cinque lunghi anni
Pensavo che tu fossi il mio uomo
Ma ho scoperto, amore
Che sono solo un anello della tua catena
Mi hai portato in giro dove tu mi vuoi
Ma non sono nient'altro che la tua stupida
Mi hai trattato male
Oh, mi hai trattato crudelmente

(Chain, chain, chain)
Chain of fools

(Una catena, una catena, una catena)
Una catena di stupide donne

Every chain
Has got a weak link
I might be weak, yeah
But I'll give you strength, oh, hey
You told me to leave you alone
My father said, "come on home"
My doctor said, "take it easy"
Oh, but your loving is much too strong

Ogni catena
Ha un anello debole
Potrei essere debole, sì
Ma aumenterò la tua forza, oh, ehi
Mi hai detto di lasciarti solo
Mio padre ha detto "vieni a casa"
Il mio dottore ha detto "prendila con filosofia"
Oh, ma il tuo amore è troppo forte (1)

(Chain, chain, chain)
Chain of fools

(Una catena, una catena, una catena)
Una catena di stupide donne

One of these mornings
The chain is gonna break
But up until this day
I'm gonna take all I can take, oh hey

Una di queste mattine (2)
La catena si spezzerà
Ma fino a questo giorno
Prenderò tutto ciò che posso prendere, oh ehi (3)

(Chain, chain, chain)
Chain of fools
(Chain, chain, chain)
Chain of fools

(Una catena, una catena, una catena)
Una catena di stupide donne
(Una catena, una catena, una catena)
Una catena di stupide donne

Autore: Don Covay

Note

Tra i due successi mondiali che avevano messo in chiaro il ruolo della donna nel rapporto di coppia (Respect e Think), Aretha Franklin ha proposto quest'altro formidabile classico R&B dalla linea di basso irresistibile anticipata dal potente intro di chitarra elettrica eseguito da Joe Shout. Altra canzone sul ruolo della donna che non vuole più essere parte di una catena di stupidine innamorate una una dopo l'altra dallo stesso uomo "sciupafemmine". Le coriste che completano la straordinaria e sentita interpretazione di Aretha (che veniva proprio da un tempesta sentimentale col marito Ted) sono le sua sorelle minore Carolyn ed Erma, il gruppo soul The Sweet Insprations e la cantautrice Ellie Greenwich, il basso è suonato da Tommy Cogbill.
(Nelle immagini le copertine del 45 giri in USA, Svezia e Italia)

Note alla traduzione
(1) Difficile trovare la parola giusta in italiano, sono la sfilza di donne disposte ad essere solo di passaggio ma credendo di essere la prescelta: "sciocche", "pazze", "folli", "illuse" ...
(2) Significativo che il momento della decisione sia proprio la mattina, dopo una notte, quindi.
(3) In sintesi, lei si rende conto di essere una delle tante ragazze della "catena" del suo ragazzo, ma  anche se sa che questo non potrà mai durare, rimane comunque con lui.

   

Musica & Memoria Dicembre 2021 / Testo originale di Don Covay riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTI

HOME