FAQ - Come ascoltare la musica in streaming

HOME

MENU

 

Sul nostro sito Musica & Memoria abbiamo pubblicato da tempo una sezione di domande & risposte dedicata all'ascolto ottimale della musica e quindi alla  Stereofonia e Alta Fedeltà, e un'altra serie di FAQ dedicate alla musica liquida ovvero il digital download. La evoluzione della tecnologia di trasmissione e la diffusione dei dispositivi mobili di ultima generazione rende possibile una alternativa più semplice e meno costosa: lo streaming, a cui è dedicata la  FAQ Music Streaming per tutti i dettagli.
Qui ci concentriamo invece su come ascoltare al meglio, ovviamente in hi-fi, i più diffusi servizi streaming.

Avvertenza
: è un campo in continua evoluzione, cercheremo di tenere aggiornate le FAQ, ma consigliamo di controllare sempre la data di aggiornamento.

Per approfondimenti e articoli monografici: Il blog di M&M.

 

Ads by Google

FAQ. Frequently Asked Questions

 

Quali sono i servizi streaming per la musica più diffusi?

Sono pensati per diffondere la musica, perché l'ascolto dovrebbe essere un problema?

Non basta un semplice cavo connesso all'uscita cuffia?

Come si ascolta la musica al meglio, in Hi-Fi, potendo usare un cavo?

Come si ascolta al meglio in wireless?

 

FAQ. Frequently Asked Questions

 

Quali sono i servizi streaming per la musica più diffusi?

Il servizio più diffuso è Spotify, altri servizi di larga diffusione sono Apple Music, Deezer, Music Unlimited di Amazon, Tidal, Qobuz. Spotify (in Italia) e Apple Music forniscono come qualità massima la musica compressa a 320 KB, Deezer come massimo la qualità CD, gli ultimi tre consentono l'ascolto anche in alta definizione (HD). Il costo in abbonamento è molto simile, e va dai 10 ai 20 €/mese.

 

Sono pensati per diffondere la musica, perché l'ascolto dovrebbe essere un problema?

Ciascun servizio consente l'ascolto per mezzo di una app in 7 versioni (iPhone, smartphone Android, iPad, tablet Android, PC desktop Windows, PC desktop MAC, web browser) ed in tutti i casi l'ascolto è previsto dagli altoparlanti interni del dispositivo o tramite l'uscita cuffia. Con le modalità standard e con buone cuffie o auricolari si può godere della musica con un livello di qualità più che accettabile. Ma per sfruttare tutte le potenzialità, che sono molto elevate in termini di qualità d'ascolto, che può arrivare anche all'alta definizione, è necessario un impianto esterno, come è spiegato nelle FAQ seguenti.

 

Non basta un semplice cavo connesso all'uscita cuffia?

Con una connessione di questo tipo si deve passare per il DAC (conversione da digitale ad analogico) interno dello smartphone, del tablet o del PC, che ha normalmente una qualità adatta all'uso senza pretese di Hi-Fi (essendo comunque ormai di livello più che accettabile) e soprattutto, l'ascolto non è dedicato alla musica, perché sullo stesso canale possono arrivare notifiche o anche chiamate telefoniche o video chiamate, con interruzione della musica. Si può avere molto di più, spendendo anche poco.

 

Come si ascolta la musica al meglio, in Hi-Fi, potendo usare un cavo?

Esistono due modi per ascoltare la musica: in cuffia o in campo aperto, con due casse acustiche. Hanno vantaggi e svantaggi, ma la ricostruzione spaziale consentita dal sistema stereo, quindi il maggior realismo nell'ascolto, è possibile solo con l'ascolto in campo aperto. Lo smartphone, il tablet o il PC può essere sempre collegato alle casse via cavo. il collegamento via cavo è ovviamente la soluzione standard per l'ascolto in cuffia, mentre per l'ascolto alle casse, che sono normalmente distanti dal punto d'ascolto (dove si trova chi ascolto assieme al suo smartphone o iPhone la connessione via cavo (wired) non è la soluzione ideale, a meno che le casse non siano sulla scrivania (ascolto "near field"). La connessione via cavo in qualità Hi-GFi richiede alcune accortezze sintetizzate nella tabella seguente.

1. Casse acustiche amplificate con ingresso digitale

   Desktop

Cavo USB 2.0 o 3.0

   Smartphone / Tablet

Cavo proprietario* USB certificato OTG

2. Casse acustiche amplificate con ingresso analogico

    Desktop

DAC fisso**

 

Cavo USB 2.0 o 3.0

   Smartphone / Tablet

DAC mobile***

 

Cavo proprietario* USB certificato OTG

3. Casse acustiche passive con amplificatore

 

Come per il caso 2

4. Cuffie stereo analogiche

   Uso mobile e casa

DAC mobile***

 

Cavo proprietario* USB certificato OTG

   Uso solo casalingo

DAC fisso** con uscita cuffia

  

Desktop: Cavo USB 2.0 o 3.0
Smartphone e Tablet: Cavo proprietario* USB certificato OTG


Note

(*) Cavetto di inserire dello smartphone o tablet, che può essere Lightning (iPhone e iPad) oppure USB-C o Micro-USB (smartphone o tablet Android)

(**)

Decoder analogico-digitale che può essere alimentato anche da una presa di corrente o da un power bank esterno

(***)

DAC progettato per essere collegato e movimentato assieme a uno smartphone prendendo dal dispositivo anche l'alimentazione. Prevede sempre un'uscita cuffia.

 

Come si ascolta al meglio in wireless?

Facendo riferimento ai due modi per ascoltare la musica citati al punto precedente, la soluzione wireless è certamente la più comoda, praticata e ricercata per l'ascolto usando come sorgente una device mobile, per ovvi motivi, ma è preferibile per comodità di fruizione anche per i PC desktop, fissi o notebook. Per "wireless" intendiamo qui unicamente una connessione a standard wi-fi e non Bluetooth, perché la seconda non ha prestazioni pienamente hi-fi. Per l'ascolto wireless, proprio per la sua maggiore diffusione, esistono molte soluzioni già pronte all'uso, che supportano il servizio streaming end-to-end, fino alla riproduzione dalle casse.
 

1. Speaker Wireless*

  

Ready-to use

2. Casse acustiche amplificate con ingresso digitale

   Compatibili streaming

Ready-to use

   Non compatibili streaming

Music Streamer** con uscita digitale

3. Casse acustiche passive con amplificatore

   

Music Streamer

 

Music Streamer + DAC fisso*** (alternativa)

4.  Casse acustiche amplificate con ingresso analogico

 

Come per il caso 3


Note

(*)

Ampia gamma di componenti che possono essere realizzati con un unico diffusore stereo compatto, con due diffusori compatti "da scrivania" o con diffusori da supporto o da pavimento (tower) anche di livello molto elevato. In tutti casi sono caratterizzati dalla possibilità di essere comandati da uno smartphone o tablet che fa da sorgente audio, anche attraverso un servizio streaming.

(**)

Componente specializzato che fa da ponte wireless tra servizi sul web o in rete locale e l'impianto (una descrizione funzionale qui).

(***)

DAC che può essere alimentato anche da una presa di corrente o da un power bank esterno

Non sono prese in considerazione le cuffie, perché possono essere movimentate assieme allo smartphone o al tablet anche con il cavo e si ricade quindi nel caso precedente. Esistono poi cuffie wireless pensate per l'ascolto casalingo di impianti fissi.

 

Altre domande?

 

Altre domande sull'ascolto dei servizi streaming? Scrivi a Musica & Memoria.

 

Ads by Google

© Alberto Maurizio Truffi - Musica & Memoria - Dicembre 2021

NOVITA'

HOME

     

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.