Musica & Memoria / Dik Dik - L'esquimese

Dik Dik - L'esquimese (1968)

HOME

MENU

 

La discografia dei Dik Dik / I complessi beat / Le canzoni di protesta / Il fenomeno delle cover / Le cover “adulterate” /  Le copertine / I testi / L'elenco / Dove trovare i dischi beat?

 

Testo

  

Correte qui, correte là
mai niente al mondo
più vi piacerà.

C'è chi fa le navi
e chi le affonderà,
c'è chi scrive musica
e chi la copierà,
c'è chi pensa ai soldi e chi
pensa ai fatti suoi.

Ma se l'esquimese viene qui
tutti corrono a vedere lui.

Correte qui, correte là
mai niente al mondo
più vi piacerà.

Ti piace più lo zucchero
e fare quel che vuoi,
ti piace stare a pancia in su
e fare niente mai
allungar la mano e poi
mangiare quel che vuoi

Ma se l'esquimese viene qui
corri sempre a vedere lui.

Vuoi dormire e purtroppo c'è
un gatto che fa miao
nessuno dorme mai
per tutti è un incubo oramai
di notte tu pensi troppo
così tu non sogni più
Ma se l'esquimese arriva qui
sono certo dormirai anche tu.

Correte qui, correte là
mai niente al mondo
più vi piacerà.

 

Ads by Google

Note

     

Si tratta di una cover dei Dik Dik di Mighty Quinn, un successo internazionale del Manfred Mann Group, a sua volta una cover di una canzone di Bob Dylan, che sarebbe stata soltanto in seguito pubblicata da Dylan. Il gruppo di Manfred Mann, poi attivo nel campo della musica world, e del cantante e autore Paul Jones, era ai vertici delle classifiche inglesi dell’epoca. La canzone di Dylan faceva parte di quelle registrate con la Band nella cantina della fattoria The Big Pink affittata da Rick Danko, attrezzata a studio di registrazione quasi amatoriale. Era l'anno sabbatico che Dylan si era preso per ritrovare la sua strada nella musica (e la ritroverà). Le registrazioni usciranno solo anni dopo (nel 1975) sotto il nome, appunto, di The Basement Tapes, ma i brani registrati evidentemente giravano anche senza Internet, nella fattispecie sotto forma di bootleg. In questo caso particolare una versione di Dylan della canzone fu pubblicata anche prima della ufficializzazione, grazie ad una versione dal vivo del cantautore americano al Festival dell'Isola di Wight del 1969, inserita nell'album del 1979 Self Portrait.
Il musicista americano scrisse la canzone ispirandosi al film finto documentario "The Savage Innocents" (in italiano "Ombre bianche") con Anthony Quinn nel ruolo di un esquimese. Il film era tratto dal romanzo "Paese dalle ombre lunghe" del noto ambientalista e scrittore Hans Ruesch. Il titolo cita quindi esplicitamente il popolare attore come prototipo dell'esquimese.
[Ringraziamo Franco Sanna del gruppo Sopralenote per la trascrizione e per il contributo ai commenti al testo]

     

© Musica & Memoria Novembre 2006 / Testo originale riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME