Neil Young - Alabama (1972)

HOME

MENU

   

Oh, Alabama
The devil fools
With the best laid plan
Swing low, Alabama
You got the spare change
You got to feel strange
And now, the moment
Is all that it meant

Oh, Alabama
Stupidi diavoli
alle prese con il miglior piano (1)
Portami a casa dolcemente, Alabama (2)
Avete risparmiato tanto (3)
dovreste sentirvi (un po') strani
E questo è il momento giusto
È tutto ciò che importa

Alabama
You got the weight on your shoulders
That's breaking your back
Your Cadillac
Has got a wheel in the ditch
And a wheel on the track

Alabama
Hai il peso sulle spalle (del razzismo)
che ti sta spezzando la schiena
La tua Cadillac (4)
Ha una ruota nel fosso
E una ruota sulla retta via (5)

Oh, Alabama
Banjos playing through the broken glass
Windows, down in Alabama
See the old folks
Tied in white robes
Hear the banjo
Don't it take you down home?

Oh, Alabama
I banjo suonano attraverso i vetri infranti
delle finestre, giù in Alabama (6)
Guarda le brave persone (7)
chiusi nello loro vesti bianche
Ascolta il banjo
Non ti fa sentire a casa?

Alabama
You got the weight on your shoulders
That's breaking your back
Your Cadillac
Has got a wheel in the ditch
And a wheel on the track

Alabama
Hai il peso sulle spalle
Ti sta spezzando la schiena
La tua Cadillac
Ha una ruota nel fosso
E una ruota in pista

Oh, Alabama
Can I see you and shake your hand?
Make friends down in Alabama
I'm from a new land
I come to you and see all this ruin
What are you doing, Alabama?
You got the rest of the Union
To help you along
What's going wrong?

Oh, Alabama
Posso incontrarti e stringerti la mano? (8)
Fare amici in Alabama?
Vengo da una nuova terra (9)
Vengo da te e vedo tutti questi problemi
Cosa stai facendo, Alabama?
Hai il resto dell'Unione
Per aiutarti
Cos'è che sta andando male?

 

Note

Ottava traccia dell'album di maggior successo per Neil Young, il  fortunato Harvest del 1972, addirittura n.1 nella top-10 USA e popolarissimo anche in Italia. Ispirazione civile per questo brano, l'unico di questo argomento in questo album, si collega chiaramente con Southern Man (di due anni prima, nell'album After The Gold Rush), che si riferiva sempre all'Alabama, stato sudista e che ha fortemente ostacolato l'integrazione razziale nei primi anni '60. Menio dura della precedente, alla fine tende la mano allo Stato del Sud degli Stati Uniti nel quale Neil intravede un processo di uscita dalla segregazione razziale.
Non abbastanza però da non ispirare una band che si sentiva vicina all'Alabama (senza esserlo), i Lynyrd Skynyrd, a scrivere una altrettanto popolare risposta, ovvero la celebre Sweet Home Alabama, che cita proprio Neil e le sue canzoni. Ma Neil e i Lynyrd e il loro leader Ronnie Van Zant hanno più volte espresso stima reciproca.
Il testo di Alabama è ricco di riferimenti che sono spiegati nell'elenco seguente.
 

Il testo

 
  1. Il riferimento è al piano federale di integrazione, ostacolato da "stupidi razzisti", come il governatore dell'Alabama George Wallace, probabile bersaglio anche di Southern Man.
  2. Qui il riferimento quasi subliminale ma crediamo percepibile ad un ascoltatore USA, è ad un noto spiritual afro-americano del Sud "Sweet Low, Sweet Chariot". La musica però non è "dolce".
  3. Il verso fa riferimento agli ottimi affari degli Stati del Sud negli anni dello schiavismo, e ai sensi di colpa che dovrebbero provocare.
  4. Altro riferimento musicale, esiste un brano di Dizzy Gillespie che si intitola Sweet Low, Sweet Cadillac, allusione ovviamente allo spiritual citato prima, e la Cadillac, come macchina di lusso, sembra il calesse (chariot) più indicato per il tipico bianco ricco del Sud.
  5. La simbolica Cadillac del verso precedente dovrebbe seguire la retta via del processo di integrazione, al quale anche i bianchi ricchi devono giocoforza aderire, ma ha una ruota nel fosso, fuori strada, per effetto del razzismo ancora forte in Alabama
  6. I vetri infranti sono un riferimento reale, perché un attentato ad una chiesa protestante di un quartiere nero a Birmingham in Alabama era realmente avvenuto nel 1963. Trasparente l'accenno anche alla "notte dei cristalli", il pogrom del 1938 in Germania che ha anticipato la Shoa. Il banjo citato come simbolo opposto è il tipico strumento che accompagna le canzoni del Sud.
  7. "Old Folks" gli anziani, la gente rispettabile, che però indossano le vesti bianche del Ku-Klux-Klan.
  8. Qui Neil Young propone di stringere una nuova amicizia all'Alabama più consapevole e pronto al cambiamento, addolcendo l'invettiva della precedente canzone.
  9. E si scusa pure un po': "sono straniero, vengo dal Canada, le vostre forti divisioni mi impressionano".

Dall'album Harvest sono tradotte sul sito Musica & Memoria con spiegazione del significato anche A Man Needs A Maid, Heart of Gold, The Needle and the Damage Done e Old Man, oltre alla title-track Harvest. Nell'immagine Neil Young e Ronnie Van Zant appacificati, con Ronnie che indossa una T-shirt di Neil Young.

 

© Traduzione Alberto Maurizio Truffi - Ottobre 2020 / Riproduzione del testo originale di Neil Young per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME