Neil Young - The Needle and the Damage Done (1972)

HOME

MENU

   

I caught you knockin' at my cellar door
I love you, baby, can I have some more?
Ooh, ooh, the damage done

Ti ho sorpreso a bussare alla porta della mia cantina
Ti voglio bene, mio caro, posso averne ancora?
Ooh, ooh, il danno che è stato fatto

I hit the city and I lost my band
I watched the needle take another man
Gone, gone, the damage done

Ho raggiunto la città e ho perduto la mia band
Ho visto l'ago prendere un altro uomo
Andato, andato, il danno è stato fatto

I sing the song, because I love the man
I know that some of you don't understand
Milk-blood to keep from running out

Canto questa canzone, perché amo quest'uomo
So che alcuni di voi non capiscono (cosa vuol dire)
Spillare sangue per non rimanere a secco (1)

I've seen the needle and the damage done
A little part of it in everyone
But every junkie's like a settin' sun

Ho visto l'ago e il danno che ha fatto
E' successo in parte a ciascuno (di noi)
Ma ogni drogato è come un sole che tramonta

 

Note

Nona traccia dell'album di maggior successo per Neil Young, il  fortunato Harvest del 1972, addirittura n.1 nella top-10 USA e popolarissimo anche in Italia. Più facile da tradurre di altri celebri bran di questo album, perché il tema e il riferimento sono espliciti, nell'edizione del decennale Neil Young ha scritto di suo pugno: "Non sono un prete, ma le droghe hanno ucciso un sacco di uomini".
In questo caso l'uomo è ben identificato, è il chitarrista del suo gruppo iniziale, Danny Whitten dei Crazy Horse, ottimo musicista ma dipendente dall'eroina e irrecuperabile nonostante i tentativi dello stesso Neil.
Whitten era ancora vivo, pur se in piena dipendenza, quando il brano è stato scritto e registrato (tra la fine del '71 e l'inizio del '72, l'album è stato pubblicato a febbraio 1972), morirà di overdose pochi mesi dopo, a maggio 1972.
 

Il testo

La canzone si sviluppa con una narrazione realistica, la prima strofa descrive una situazione tipica: il drogato in astinenza che va da tutti gli amici per cercare i soldi per una dose. Nella seconda strofa c'è il riferimento specifico alla band e alla perdita del valente membro, nonostante i tentativi di aiutarlo. La terza strofa esprime la motivazione della canzone: condividere la sua esperienza col suo pubblico, far sapere cosa succede realmente, ricordando che non è un appello generico, dietro c'è un uomo in carne ed ossa, un suo amico. Nell'ultimo verso (1) inserisce anche un riferimento realistico e crudo alla vita dei drogati di eroina, la pratica di recuperare anche il piccolo quantitativo di sangue che rimane nella siringa, perchè contiene ancora un po' di droga (fonte: note Genius). La quarta strofa allarga le considerazioni a tutti quelli che ascoltano la canzone: tutti quanti hanno avuto esperienza di qualche dipendenza, psicologica o fisica, quindi possono capire, ma la droga forte è una dipendenza tremenda e che porta inevitalmente alla notte, ma senza un nuovo giorno.

Dall'album Harvest sono tradotte sul sito Musica & Memoria con spiegazione del significato anche A Man Needs A Maid, Heart of Gold, Alabama e Old Man, oltre alla title-track Harvest. Nella foto Neil Young e Danny Whitten ai tempi dei Crazy Horse.

 

© Traduzione Alberto Maurizio Truffi - Ottobre 2020 / Riproduzione del testo originale di Neil Young per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME