Satelliti - Loro sanno dove (1967)

HOME

MENU

 

Vedo le cose che non ho visto mai
Scendo le scale blu (?) e
corro verso di te
e vedo una strada che
non ha fine davanti a noi
la mia testa non pensa più
quello che pensi tu

 

Scende negli occhi tuoi
(occhi tuoi)
una luce che
quando sei con me
(sei con me)
io non ho visto mai

 

Il cielo non è lassù
è caduto davanti a noi
il tempo non passa più
nè per me né per te

 

di di di ...
di di di ...

 

e vedo una barca che
ci raccoglie e ci porta via
non importa dove si va
conta che sei con me

 

Vedo le cose che non ho visto mai
Scendo le scale blu (?)
corro verso di te
e vedo una strada che
non ha fine davanti a noi
la mia testa non pensa più
quello che pensi tu

 

di di di ...
di di di ...

 
 

Note

 

Una cover dei Satelliti, con testo di Gian Pieretti e Guglielmo Guscelli di Holiday, grande successo dei Bee Gees, una bella canzone dall'insolita atmosfera vagamente inquietante, creata adottando un modo in maggiore, il testo, come avveniva spesso negli anni '60, e del tutto scorrelato da quello dell'originale del gruppo anglo-australiano. Il titolo dovrebbe riferirsi al fatto che loro due sanno dove andare, a quanto sembra.

Vedi anche: Le cover / Le copertine / I complessi beat

 

© Musica & Memoria Settembre 2022. Testo originale degli autori citati / Trascrizione per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali non consentita

CONTATTO

HOME
ENGLISH