Musica & Memoria / Motowns - Mr. Jones

Motowns - Mr. Jones

HOME

MENU

   

Eventualmente non tornassimo mai più
a respirare l'aria pura di lassù
c'è qualche cosa che mostrarti io vorrei
c'è mia moglie qui, Mr. Jones
anche se questa foto è un po' vecchia
puoi vedere la mia donna com'è bella, Mr. Jones

Da due giorni ci tengono quaggiù
nel terrore continuo del grisu
chissà se ancora c'è qualcuno che di là
cerca sempre di trovarci oppure no

C'è mio figlio qui, Mr. Jones
tra tre giorni sarà la sua festa
ma purtroppo starà solo con  chi resta, Mr. Jones

Io spero sempre di sentire dal di là
il rumore di un qualcosa che verrà
a porre fine in qualche modo a tutto ciò
c'è mia madre qui Mr. Jones
vedo già sul bel viso di vecchia
nuovi solchi procurati dal dolore, Mr Jones
Mr. Jones

Siamo in due qui Mr Jones
ma lassù ci sta la mia gente
è per loro che devo ritornare
Mr Jones ...

   

Note

Cover del primo successo dei Bee Gees del 1967 New York Mining Disaster 1941 (in classifica in UK al 12 posto nella primavera di quell'anno) proposta dal gruppo inglese "trapiantato" in Italia The Motowns del front-man Lally Stott. Quindi un brano originale inglese proposto in italiano (ma con l'accento british del cantante Lally Stott) da un gruppo inglese che era calato nel nostro paese nella stagione dei complessi e che aveva già messo a segno un hit: Prendi la chitarra e vai (altra cover).

Si inserisce in pieno nel filone sentimental-scongiuratorio delle canzoni da miniera che trova la sua apoteosi appunto con la indimenticabile Una miniera dei New Trolls (che invece era un brano originale). Anche perché il testo inglese dei Bee Gees, più semplice, è stato arricchito nella traduzione italiana con le figure del figlioletto e dall'anziana madre del protagonista, nonché da più chiari riferimenti alle tragedie minerarie (il grisu, il gas esplosivo, principale rischio negli impianti per la estrazione del carbone).

 Le canzoni da miniera  Una miniera (New Trolls), Mr. Jones (Motowns), New York Mining Disaster 1941 (Bee Gees), Sfiorisci bel fiore (Enzo Jannacci), Miniera (Claudio Villa)

© Musica & Memoria Luglio 2007 / Testo originale trascritto da Alberto Truffi e riprodotto per soli scopi di ricerca e critica musicale (vedi Disclaimer) / Copia per usi commerciali di testo e commenti non consentita

DISCLAIMER

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.