Musica & Memoria / Covers e musica leggera: Jula De Palma

Covers e musica leggera: Jula De Palma

MENU

HOME

 

I big della musica leggera italiana e le cover: Al Bano e Romina Power / Betty Curtis / Dalida / Dori Ghezzi / Fred Bongusto / Gigliola Cinquetti / Iva Zanicchi / Johnny Dorelli / Loretta Goggi / Massimo Ranieri / Mino Reitano / Nicola Di Bari / Orietta Berti / Peppino Di Capri / Quartetto Cetra / Wilma De Angelis / Torna all'indice

 

Ads by Google

Jula De Palma

Cover

Originale

Interprete

Note

Deve Restare (1960)

He'll Have To Go (1959)

Jim Reeves

Retro del singolo 45 giri "La mosca", etichetta Adventure - AV N 1147, pubblicato nel 1960, il testo italiano era stato scritto da Gaspare Gabriele Abbate che in SIAE e in BMI è presente con la stessa canzone, ma col titolo tradotto fedelmente dall'originale, "Deve Andare", mentre nel disco di Jula De Palma, il titolo è al contrario dell'originale "Deve Restare".

Le montagne di bugie (1964)

False Friends (1963)

Gene McDaniels

Retro del 45 giri "Se qualche volta", etichetta Surf - EA. 1013, pubblicato nel 1964, testo italiano di Mogol. L'originale era stata scritta da Hal David e composta da Sherman Edwards per il cantautore afro-americano Gene McDaniels, noto per i suoi successi arrivati anche in Italia "Tower Of Strength" e It's A Lonely Town". Disco originale: retro del singolo 45 giri "It's A Lonely Town (Lonely Without You)", etichetta Liberty - LOB 55597, pubblicato nel 1963.

Dove e quando (1967)

Where Or When (1937)

Mitzi Green e Ray Heatherton

Cover da un classico brano jazz registrata nel lato A/3 del LP 33 giri "Whisky E Dixie", etichetta Cetra - LPP 106, pubblicato nel 1967, testo italiano di Alfredo Bracchi.

Non t'arrabbiare(1967)

In My Gondola (1926)

Waring's Pennsylvanians

Canzone cantata in medley insieme a "Tre son le cose che piacciono a me", "Lodovico", "Canto quel motivetto che mi piace tanto", Ba-baciami piccina" e "Notte e di'", contenuta nella facciata A del precedente LP "Whisky E Dixie", l'autore del testo italiano nel disco di Jula De Palma è stato omesso, ma nelle versioni dei cantanti Corrado Lojacono (1951) e Ferdinando Crivelli (1928) il testo era di Enrico Frati.

Bugiardo incosciente (1970)

La tieta (1967)

Joan Manuel Serrat

Cover meno nota rispetto alla versione di Mina del 1969, questa di Jula De Palma contenuta in A/2 del LP 33 giri "Jula al Sistina dal vivo", RCA Italiana - PSL 10456, testo italiano di Paolo Limiti. L'originale era stata scritta, composta ed eseguita dal cantautore catalano Joan Manuel Serrat, strenuo difensore della lingua e della cultura catalana nella Spagna franchista e ipernazionalista. Disco originale: LP 33 giri "Ara Que Tinc Anys", etichetta Edigsa - CM 175 L.

Gente (1970)

People (1964)

Barbra Streisand

Lato B/2 del precedente LP, testo italiano di Giorgio Calabrese, per un'altra cover di un notissimo brano, già ripreso nel 1966 da Ornella Vanoni.

 

Gli originali

 

Deve Restare (He’ll Have To Go)
L’originale era stata coscritta dai coniugi statunitensi Audrey e Joe Allison, per il cantante country statunitense Jim Reeves, ma è probabile che Jula De Palma si sia ispirata alla versione del 1960 della cantante country statunitense Jeanne Black, che riprese l’originale con altro testo inglese e col titolo “He’ll Have To Stay”, in risposta alla versione di Jim Reeves. Disco originale: singolo 45 giri RCA Victor - 47-7643, pubblicato nel 1959. Il grande successo di questa bella melodia ha prodotto tante versioni, soprattutto da parte di notissimi interpreti come Elvis Presley, Connie Francis, Nat King Cole, Pat Boone, Frank Sinatra, Paul Anka, Tom Jones, Elton John e molti altri.
(Nella foto: Jula De Palma nel 1960)

Le montagne di bugie (False Friends)
L’originale era stata scritta da Hal David e composta da Sherman Edwards per il cantautore afro-americano Gene McDaniels, noto per i suoi successi arrivati anche in Italia “Tower Of Strength” e It’s A Lonely Town”. Disco originale: retro del singolo 45 giri “It’s A Lonely Town(Lonely Without You)”, etichetta Liberty - LOB 55597, pubblicato nel 1963.

Dove e quando (Where Or When)
L’originale era stata composta dal pianista statunitense Richard Rodgers e scritta dal suo conterraneo e fido collaboratore, il paroliere e librettista Lorenz Hart, noti per l’evergreen “Blue Moon” e tante altre hits. La loro canzone era la prima ad essere eseguita tra le dodici appartenenti la commedia musicale statunitense (Babes In Arms), andato in scena per la prima volta al Shubert Theatre a Broadway (NYcity) il 14 aprile del 1937. Altri due tra i brani più famosi nati nello stesso musical sono: “My Funny Valentine” e “The Lady Is The Tramp”. La canzone “Where Or When” era stata interpretata per l’occasione dalla cantante e attrice Mitzi Green in duetto con Ray Heatherton, rispettivamente nelle parti di Billie Smith e Valentine “Val” La Mar. Il successo del musical ha comportato inevitabilmente altre produzioni teatrali e cinematografiche, oltre alle tante interpretazioni dei brani cantati in teatro, ripresi da orchestre e cantanti jazz e pop statunitensi ed europei.

Non t’arrabbiare (In My Gondola)
L’originale è un foxtrot in stile dixieland composto dal prolifico compositore e paroliere statunitense d’origine italiana Harry Warren (1893 / 1981), il cui nome e cognome anagrafico è Salvatore Antonio Guaragna, ritenuto il primo grande scrittore e compositore di canzoni per il cinema sonoro, ma in precedenza è stato anche un ottimo pianista che accompagnava le riprese di film muti. Tra le sue più note composizioni ci sono: “Thats Amore” un successo (#2) del 1953 per Dean Martin, poi “Chattanooga Choo Choo”(#1) e primo disco d’oro della storia, conquistato da Glenn Miller nel 1941. Il testo era del paroliere statunitense di origine austriaca Bud “Buddy” Green. La prima registrazione di questa canzone, alla data di redazione di queste note, è attestata all’orchestra Waring’s Pennsylvanians, diretta dal maestro strumentale e corale statunitense Fredrick Malcom Waring Sr., noto come Fred Waring. Disco originale: singolo 78 giri, Victor - 20010, pubblicato nel 1926.

Gente (People)
Gli Autori dell’originale erano Bob Merrill - testo e Jule Styne - musica, che prepararono la nuova canzone per la rappresentazione teatrale musicale “Funny Girl”, andata in scena al Winter Garden Theatre a Broadway (NY City), il 26 marzo del 1964. L’opera era basata su alcuni aspetti della vita dell’attrice e cantante statunitense Fanny Brice, nome d’arte di Fania Borach (1891/1951). La parte della protagonista era interpretata da Barbra Streisand che esegui undici tra le sedici canzoni in scaletta, tra le quali, la più nota “People. Disco originale: LP 33 giri “People”, Columbia - CL 2215, pubblicato in settembre del 1964.


 

Gli altri interpreti: Anna Oxa / Cocki Mazzetti / Carmelo Pagano / Eugenia Foligatti / Gino / Giovanna / Niky / Le Piccole Ore / Tonina Torrielli / Tina Centi / Altri interpreti e gruppi / Rari e meteore
Vedi anche: Tutte le covers / Ultimi inserimenti

Ads by Google

© Musica & Memoria Febbraio 2019  / Ricerche e note di Ignazio Sulis

CONTATTO

HOME