Musica & Memoria / Copertine Beat italiano / Cantanti

Il Beat in Italia - Copertine 45 giri. Raccolta III - Cantanti

ENGLISH

MENU

HOME

 

Vedi anche: 

Il fenomeno delle cover / I complessi beat / Le canzoni di protesta  / Gli spartiti / I videoclip / Tutti i complessi / Le copertine degli LP e dei CD


Raccolta I

Anonima Sound / Los Bravos / Bisce / Bisonti / Blacks / Barabba / Califfi / Camaleonti / Casuals / Cavernicoli / Chetro & Co. / Corvi / Delfini / Dik-Dik


Raccolta II

Equipe 84 / Generali / Giois / Giganti / Girasoli / Johnny Kendall e gli Heralds / Kameleoni / Mat65 / New Dada / Nomadi / Profeti / Ribelli / Rokes / Rovers / Rokketti / Rubi Strubi / Satelliti


Raccolta III (Cantanti)

Adriano Celentano / Antoine / Brunetta / Brenda Bis / Caterina Caselli / Catherine Spaak / Evy / Dino / Don Backy / Ghigo Agosti / Jonathan & Michelle / Gianni Morandi / Michel Delpech / Michel Polnareff / Patty Pravo / Ricky Gianco / Riki Maiocchi / Ricky Shayne / Roby Crispiano / Sacha Distel / Sylvie Vartan

 

Copertine

 

 

 

 

   

Adriano Celentano
Mondo in Mi 7a
Una festa sui prati
(Celentano l'ecologista)

Adriano Celentano
Tre passi avanti
Eravamo in 100.000
 

Adriano Celentano non è stato certo un cantante beat, anche se era stato tra gli iniziatori del rock in Italia. Anzi è stato un ironico "oppositore" del movimento beat. Ma musicalmente era molto più vicino al beat di tanti altri. Vedi anche: Celentano il reazionario.

Caterina Caselli, bassista nel suo gruppo Gli Amici, era attiva già da tempo nel mondo beat, ed era stata anche una delle prime reginette del Piper Club di Roma (al quale dedicò uno dei suoi primi singoli: La ragazza del Piper) quando imbroccò il successo mondiale con Nessuno mi può giudicare al Festival di Sanremo del 1966, in coppia con il cantante americano Gene Pitney.
La copertina del primo disco beat di Caterina Caselli (lato A de La ragazza del Piper) si trova con difficoltà. Quello mostrato è un EP per il mercato spagnolo, che contiene anche Nessuno mi può giudicare e Se lo dici tu; tutte e quattro le canzoni sono cantate in spagnolo, la copertina è quella originale di Sono qui con voi.
Il singolo di Caterina Caselli L'orologio non ebbe il successo sperato. Sul retro un interessante esperimento o forse uno sfizio: la canzone Bagnata come un pulcino era cantata in dialetto modenese, terra di origine della reginetta del beat italiano. Da notare la notevole copertina in perfetto stile beat-psichedelico.

Anche Gianni Morandi, all’apice del successo, tenta di inserirsi nel movimento beat, anche se la sua immagine è un poco compromessa agli occhi degli adolescenti degli anni '60, è visto come “un bravo ragazzo” che piace alle mamme, non certo come un ribelle; ma le sue idee sono diverse e la età è giovane e quindi con l’aiuto del cantautore Mauro Lusini, con lui sulla copertina, incide in 45 giri la canzone di protesta “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”, sulla guerra del Vietnam. Un tema certo non banale in un'epoca nella quale la guerra che vedeva in difficoltà gli USA era attentamente oscurata dalla TV di stato. La canzone ha successo, ma non travolgente (arriva alla 6° o 7° posizione della hit-parade), sconta probabilmente la immagine del cantante, e la sorte commerciale del disco è salvata dal retro, dove è stata prudentemente incisa una cover del successo internazionale di Neil Diamond, la celebre Solitary Man. Il brano di Lusini è diventato però un classico ed è stato ripreso per tutti gli anni ’70.

Ghigo Agosti, multiforme e pionieristico personaggio della musica italiana, tra i primi a scrivere e interpretare un brano rhythm & blues in Italia (Stazione del Rock), poi tra i primi anche nel rock con Coccinella (dalla tematica a dir poco ardita per l'epoca, era ispirata ad un celebre travestito e stella del cabaret francese), faceva parte del sodalizio milanese dei primi rockers di fine anni '50 (con Gaber, Jannacci, Celentano, Guidone, Clem Sacco). Ha detto la sua anche nel beat con il suo complesso Ghigo & i Goghi, ed è poi tornato al primo amore R&B, quando il genere è diventato di moda anche in Italia alla fine degli anni '60, assumendo stavolta l'identità di Mr. Anima (in pratica, Mr. Soul), seguita poi dal sempre più "nero" Probus Harlem e infine dallo psichedelico Black Sunday Flower.

I singoli di Evy in Francia, prima del suo arrivo (o ritorno in Italia) erano pubblicati dalla Riviera. Quello con giochi proibiti era un EP che conteneva anche alcune cover (A1.Quel merveilleux souvenir, Johnny (Ain't that loving you baby) / A2.C'etait mon frere (She was my baby / B1.Jeux interdit / B2.Une question qui se pose (Question I can't answer)).

Il mio è amore è un capellone è stato inciso da Gilla per la casa discografica Style (STMS639). Lo stesso brano,con scelta piuttosto incongrua è stato inciso anche dai Bad Boys, un gruppo inglese sotto contratto anch'esso con la etichetta milanese  e quindi da un interprete maschile (ma con lo stesso testo) nello stesso anno 1967. Nel testo per ragioni di rima anche Napoleone diventa capellone.

L'EP La mia voce / .. e quando / Quanto tempo passerà di Ricky Gianco era un disco disco tris. Il lato A era il brano proposto durante il  Cantagiro 1965.

 

Antoine
Pietre
La felicità

Antoine
Les elucubrations
Pourquoi ces canons

Brunetta
Solo per poco tempo
Dove vai?

Brenda Bis
Per vivere insieme
Hold On! I'm Coming.

Caterina Caselli
Sono qui con voi
La ragazza del Piper

(Discografia)

 

Caterina Caselli
Nessuno mi può giudicare
Se lo dici tu
 

Caterina Caselli
Perdono
L'uomo d'oro

Caterina Caselli
Cento giorni
Tutto nero (Paint It Black)

Caterina Caselli
Sono bugiarda
Incubo n.4

Caterina Caselli
Sole spento
Il giorno

Caterina Caselli
Il volto della vita
Disperatamente io ti amo

Caterina Caselli
L'orologio
Bagnata come un pulcino

Caterina Caselli
Insieme a te non ci sto più
Il dolce volo

 

Caterina Caselli
Desiderare
Noi lontani noi vicini

Catherine Spaak
Quelli della mia età
(Tous les garçons et les filles)
Ho scherzato con il cuore
(J'ai jeté mon coeur)

Catherine Spaak
L'esercito del surf
Mi fai paura

Catherine Spaak
Prima di te ... dopo di te ...
Noi due

Cocki Mazzetti
Giovane giovane
Le gocce

Dino
Te lo leggo negli occhi
Cerca di capire

Evy
Jeux interdits
 

Evy
J'ose te l'ecrire
1+1 = 1

Evy
L'abito non fa il beatnik
Good Golly Miss Molly

Don Backy
L'ombra nel sole
Tu piangevi

Don Backy
L'ombra nel sole
Tu piangevi

Don Backy
Ho rimasto
Sono solo

Don Backy
Ho rimasto
Sono solo

Elio Gandolfi
Hair (Capelli)
Acquario

Franco dei New Dada
Se io fossi un altro
Confesso che

 

Ghigo Agosti (Ghigo)
Coccinella
Stazione del Rock
(12)

Ghigo Agosti (Mister Anima)
Non voglio pietà
Solitude Time

Ghigo Agosti (Mister Anima)
La mia passeggiata
Attrazione

Ghigo Agosti (Probus Harlem)
A Whiter Shade Of Pale
Hold On I'm Coming

Gianni Morandi
C’era un ragazzo … 
Se perdo anche te

Gianni Morandi
Un mondo d'amore
Questa vita cambierà
 

Michel Polnareff
Una bambolina che fa no, no, no...
La lezione del capellone

(Vedi anche
il frontespizio
dello spartito
di questo brano
di Michel Polnareff)

 

Gilla
Il mio amore è un capellone
Cercherai di me
 

Jonathan & Michelle
Occhiali da sole
Ai margini del mondo

Mal
Bambolina
Vite vendute
 

Michel Delpech
L'isola di Wight
Wight Is Wight

Nada
Pasticcio universale
Anche se fosse

 

Nada
Che male fa la gelosia
Ritornerà vicino a me

Patty Pravo
Ragazzo triste
The Pied Piper
(Discografia)

Patty Pravo
Se perdo te
Lettera a Gianni

Patty Pravo
Qui e là
Sto con te

Patty Pravo
La bambola
Se c'è l'amore

Remo Germani
Stasera
No no no
 

Ricky Gianco
La mia voce
.. e quando
Quanto tempo passerà
(disco tris, Cantagiro 1965)

Riky Maiocchi
Ma l'amore no
Un'altra vita

Ricky Shayne
Con una o dieci chitarre
Nessuna donna

Ricky Shayne
Uno dei Mods
Cosa pensi di me

Ricky Shayne
Stanotte
Di me cosa ne sai? 
 

Roby Crispiano
Quando ritorno al mio paese
Il messaggio

Roby Crispiano
Uomini Uomini
Solo io e te

Sacha Distel
Poi si fa l'amore
On ne peut plus se cacher
(Cover in italiano)

Sylvie Vartan
Zum Zum Zum
Baby Capone
(Vedi: Album Sylvie Vartan)

 

 
 

Note

   

Il fenomeno beat

Gli anni '60 hanno visto la più importante svolta della musica del 20° secolo, la musica rock e pop odierna è una estensione, prosecuzione e citazione, della musica nata in quegli anni.
Il primo movimento musicale di rottura degli anni '60 è stato il "beat", impropriamente associato oggi a musiche estive, disimpegnate e ingenue. Allora suonava molto diverso, dirompente alle orecchie di ascoltatori abituati alla melodia e alla forma tradizionale della canzone.

La grafica e le copertine

Negli anni '60 anche la grafica e il design hanno vissuto un forte sviluppo, nel segno della creatività e dell'invenzione. Le copertine dei 45 giri, e degli LP in seguito, hanno rappresentato un veicolo ideale per sperimentazioni e applicazioni di quanto di nuovo si andava affacciando in questo campo. La selezione di copertine che presentiamo non ha nessun obiettivo di copertura "enciclopedica" (le copertine sono ormai disponibili ovunque su Internet, a differenza di quando abbiamo aperto questa sezione del sito) ma consente invece di seguire la evoluzione della grafica dal layout ripetitivo dei primi anni '60 ai tentativi spesso ingenui di attualizzazione, sino ai migliori esempi.

Altre informazioni:

Complessi beat / Cover in italiano / Cover adulterate / Le radio libere e la RAI / Le canzoni di protesta / Testi / La RAI e la censura

Dove trovare i dischi Beat

I dischi e le canzoni beat si possono ancora trovare ed acquistare? Molti ci scrivono facendo questa domanda. Negli anni '80 in occasione del primo revival di quel periodo, trainato da trasmissioni TV del benemerito Red Ronnie, come Roxy Bar o Una rotonda sul mare, sono state pubblicate ristampe su CD in formato compilation dei principali successi del periodo. Alcuni dei pochi LP dell'epoca sono stati rieditati su CD, e altre compilation hanno riguardato i complessi ancora attivi (quindi praticamente i soli Nomadi) oppure molto noti (Equipe 84). 

 

I singoli originali 45 giri sono stati tirati in moltissime copie (milioni per i più grandi successi, centinaia o decine di migliaia anche per i successi minori) e quindi non sono rari, pur essendo andati distrutti per la maggior parte. Più rari sono i 33 giri. La vendita è iniziata già a partire dagli anni '90 attraverso mercatini specializzati e non (come Porta Portese a Roma).

 

Grazie al portale eBay per la vendita di usato buona parte di questo materiale è facilmente disponibile anche via Internet e, grazie all'ampliarsi dell'offerta, a prezzi più bassi e calmierati rispetto a quelli dei mercatini. Per verificare cosa è proposto in offerta è sufficiente cliccare sul simbolo accanto, registrarsi a eBay (è consigliabile, per poter attivare le ricerche automatiche, la registrazione è ovviamente gratuita), e cercare nella sezione Musica > Vinile 7" EP. E' anche disponibile sul nostro sito una guida all'uso del portale eBay.

   

© Alberto Maurizio Truffi - Musica & Memoria 2002 - 2015

CONTATTO

HOME

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.